Back to Top
Cistite (Infezione delle Basse vie Urinarie)

Cistite (Infezione delle Basse vie Urinarie) (2)

 

La Cistite: problema comune e dai sintomi riconoscibili 

La cistite è una forte infiammazione (flogosi) delle basse vie urinarie scatenata quasi sempre da una infezione della mucosa vescicale, con sintomi indicativi e spesso facilmente riconoscibili quali

- l'aumento del numero di minzioni,

- difficoltà a fare pipì,

- bruciore e dolore durante la minzione,

- spasmi,

- Nelle forme più gravi si possono trovare sangue e pus nelle urine

- La febbre si manifesta solitamente quando l'infezione raggiunge le vie urinarie alte.

 

Questa condizione colpisce prevalentemente le donne che per conformazione anatomica (ma non solo) sono più esposte al rischio di contrarre l'infezione poiché l'uretra è più corta di quella maschile ed i microbi devono fare dunque meno tragitto per raggiungere la vescica.

In particolare durante la gravidanza, modificazioni significative ormonali e strutturali dell'apparato genitale, favoriscono queste infezioni che vanno monitorate e nel caso trattate allo scopo di evitare serie complicanze. 

La cistite può verificarsi anche nei bambini, con evidenti difficoltà conseguenti nel riconoscerne chiaramente i sintomi. 

 

Virus e batteri, conoscerli per proteggersi

La cistite di solito è causata dalla proliferazione di batteri, il più frequente dei quali appartiene alla flora batterica intestinale, cioè il noto Escherichia Coli, batterio necessario alla corretta digestione dei cibi negli animali a sangue caldo.

Per tale ragione, questo batterio è da proteggere, con la sola accortezza di non permetterne la diffusione in altre parti del corpo dove può replicarsi velocemente e diventare effettivamente pericoloso. Altri batteri e virus possono essere causa di questo problema anche con minor frequenza, ad esempio l'Enterococcus faecalis o lo Stafilococco epidermidis.

Anche la scarsa conoscenza del problema tende a fare di una banale infezione, un disturbo recidivo.

Ad esempio, la semplice accortezza di non trasferire attraverso gesti quotidiani materiale fecale fino all'uretra, eviterebbe gran parte di queste infezioni. I gesti più comunemente implicati nel trasferimento dei batteri fuori sede, sono i lavaggi e i rapporti sessuali.

Trattandosi di una infezione, è ovviamente implicato anche il sistema immunitario. In caso di disbiosi ed indebolimento (determinato da condizioni patologiche o da abuso di antibiotici) colonie che raggiungano zone a loro interdette e che abitualmente verrebbero controllate dagli anticorpi, rischiano di replicarsi creando l'infezione.

Va da sé quindi, che proteggere il sistema immunitario (vedi scheda) favorendone le dinamiche fisiologiche è la prima norma per prevenire e curare un malanno come la cistite.

 

Abitudini e accortezze: prevenire la cistite

Tra le accortezze per trattare e prevenire la cistite, ve ne sono alcuni di semplice buon senso che andrebbero metodicamente insegnati già ai bambini:

- Evitare l'utilizzo di detergenti aggressivi/disinfettanti, la flora batterica locale è preziosa.

- Lavare le parti intime evitando il trasferimento dei batteri dalla zona dell'ano a quella dell'uretra, che può avvenire per semplice tocco della mano, oppure per diffusione nell'acqua.

- Evitare gli antibiotici, se non estremamente necessari, perché minano gli equilibri tra i batteri che abitano favorevolmente nel nostro corpo.

- fare pipì dopo i rapporti sessuali, aiuta a smaltire eventuali infiltrazioni

- bere molto, per favorire la semplice espulsione dei batteri attraverso la il flusso della pipì.

 

Attualmente la cistite viene diagnosticata attraverso esami di laboratorio nei bambini piccoli, mentre per gli adulti è spesso diagnosticata per semplice diagnosi differenziale e trattata con chemioterapici o antimicrobici senza specificità che possono favorire le recidive e la resistenza ai farmaci.

Sono però sempre più noti diversi Rimedi Naturali per il trattamento della cistite, usati anche in combinazione ai farmaci di sintesi, e di varia efficacia. Riportiamo di seguito i Rimedi Naturali per la Cistite fino ad ora censiti:

 

1. Estratto di Betulla nel trattamento della Cistite

2. Olio Essenziale di Melaleuca nel trattamento della Cistite

 


Crediti Immagine: "E. coli EPEC actin podests on fibroblast cell culture" di ZEISS Microscopy - Alcuni diritti sono riservati

Vota questo articolo
(10 Voti)
  L'Olio Essenziale di Melaleuca: antibatterico, economico, e sicuro. L'Olio Essenziale di Melaleuca (Tea Tree Oil) è un Rimedio Naturale tra i più usati nell'era post-antibiotica, anche per trattare le forme più comuni di Cistite (vedi Scheda), almeno secondo tanti siti internet. La vasta gamma di applicazioni possibili in effetti, ed il crescente numero di esperienze positive sia nell'efficacia che nella quasi assenza di rischi collegati al suo utilizzo, lo hanno reso forse uno dei Rimedi più noti tra chi cerca alternative, e grazie ad un costo accessibile, è tra gli oli essenziali che di prima scelta da non fare mai…
Vota questo articolo
(2 Voti)

 

Un Rimedio Naturale già noto nell'Antica Grecia

Un diuretico naturale come l'Estratto di Corteccia di Betulla (tanto quando la Linfa di Betulla [prossimamente]) era noto già dai tempi dell'Antica Grecia come trattamento anche per la Cistite (vedi scheda per un approfondimento del problema e delle sue soluzioni).

Questo problema comune e che tende alle recidive, è infatti strettamente correlato alla buona e frequente minzione (motivo per quale è anche necessario bere molto durante le fasi acute). La minzione infatti, agisce meccanicamente trasportando via eventuali agenti patogeni annidatisi nella vescica, favorendo la guarigione ed in ciò, l'Estratto di Betulla aiuta coadiuvando con una azione diuretica e depurativa [1].