Back to Top

Venerdì, 03 Giugno 2016 00:00

Foglie di Origano nel trattamento del Diabete di tipo 2 In evidenza

Scritto da 
Vota questo articolo
(1 Vota)    
  • Utilizzo: Scarse
  • Documentazione: Iniziali
  • Per gli acquisti: Sufficienti
  • Storia: Sufficienti
  • Dosaggi: Le informazioni sul reale possibile utilizzo di questo Rimedio Naturale non sono ancora verificate e/o abbastanza approfondite
  • Bambini: Non abbiamo riscontrato particolari avvertimenti in realzione all'uso sui Bambini

Introduzione

Origano e iperglicemia

Cosa dicono gli studi

Come usare l'origano nell'iperglicemia

 

 

Origano, l'erba della felicità.. e della salute

 

Anticamente noto come Erba della Felicità, questa pianta continua a distinguersi per le tantissime possibili applicazioni come Rimedio Naturale, gentile, affidabile, efficiente.

La chiave d'azione è ovviamente da imputare ai tanti polifenoli concentrati nelle foglie di questa delizia che quotidianamente può allietare il palato, e che va ad aggiungersi al Basilico [prossimamente] ed al Rosmarino [prossimamente] tra le piante aromatiche che ben oltre il piacere della tavola, possono regalarci una salute migliore e magari una vita più lunga. 

 

L'Origano può contrastare l'iperglicemia

Di recente è stato studiato insieme ad altre piante aromatiche in quelle che possono essere le potenzialità come cura naturale contro il diabete di tipo due, fornendo promettenti risultati. 

 

I componenti biottivi dell'origano infatti, sembrerebbero agire contro un bersaglio tipico di alcuni farmaci anti-diabete chiamato dipeptidil peptidasi IV (DPP-IV). Questi farmarci però, le gliptine, sono stati associati a maggiore rischio di tumore (vedi articolo su Farmacovigilanza) mentre l'origano, al contrario, è in corso di riscoperta anche e proprio come antitumorale [prossimamente]. 

 

Cosa dicono gli studi

Nel 2014, è stato pubblicato sull'ACS Journal of Agricultural and Food Chemistry, uno studio dal titolo "Bioactive compounds from culinary herbs inhibit a molecular target for type 2 diabetes management, dipeptidyl peptidase IV." [4] che aveva lo scopo di analizzare alcune spezie acquistabili comunemente (origano greco, origano messicano, rosmarino e maggiorana [prossimamente]) nella loro capacità di inibire DPP-IV e tirosina fosfatasi 1B (PTP1B). Questi enzimi che svolgono un ruolo nella secrezione di insulina e mediazione dell'insulina, sono risultati inibiti da alcune sostanze attive dette flavonoidi, fornendo spunti per la ricerca.

 

Lo studio ha attribuito le migliori performance in particolare all'Origano Messicano, ma poiché in Italia è di difficile reperimento ed il contenuto di carvacrolo elevatissimo nell'origano greco (quello più comune nella nostra zona) è stato a sua volta associato a forti benefici nel controllo dell'iperglicemia (purtroppo solo in studi su animali... ), possiamo ipotizzare che anche affidarci alla più nota pianticella che possiamo coltivare sul balcone sia una buona prospettiva. La piccola abitudine di utilizzare origano per cucinare, unitamente ad altri Rimedi Naturali in grado di agire similmente, potrebbe portarci un giorno a gestire (e prevenire) problemi di diabete, senza il ricorso ai farmaci...forse.

 

Successivamente sono stati fatti alcuni studi che hanno ampiamente rinforzato questi risultati, proprio per quanto riguarda Origanum Vulgare, anche sul diabete di tipo 1, ma solo su topi, la cui induzione forzata al diabete non solo è ignobile ma dal nostro punto di vista pure inutile tanto quanto eventuali esperimenti su di essi. Dunque non abbiamo punti di riferimento su quantità ed efficienze, ci si può riferire solo alla storia ed alla tradizione, supportate da questo inizio scientifico in attesa come al solito di qualche iniziativa di tipo clinico.

 

Consumare origano spesso: una buona abitudine.

In linea di massima sappiamo dalla storia dell'umanità che l'origano è un alimento sicuro. I risultati incoraggianti si sono avuti sia utilizzando le foglie fresche che essiccate sebbene in leggero diverso rapporto quindi possiamo assumere come buona prassi l'utilizzo sia in forma fresca, coltivandolo facilmente in giardino o sul balcone, che sotto forma di spezia alimentare essiccata.

Negli studi esistenti poi si fa riferimento ad estratti acquosi o metanolici, il che non facilita il comprendere come e quanto origano possa aiutare davvero a gestire e prevenire il diabete. Chi ne soffre già però potrebbe semplicemente adottare questa buona pratica, quella di assumerlo costantemente, oppure anche assumerlo con integratori esistenti in capsule, disponibili anche nelle farmacie. Questi ultimi sono noti anche per essere innocui, quindi possono essere adottati nella quotidianità così da valutarne i benefici. 

In fase di prevenzione però, perché come già detto siamo tutti a rischio (vedi articolo), si può semplicemente adottarlo fresco, nella cucina di ogni giorno come buona norma alimentare. 

 
 
Informazioni e studi sull'efficacia Pubblicazione Anno V VV U

Uno studio ha verificato l'efficacia di alcune spezie comuni tra cui l'origano, nel facilitare l'insulina inibendo DPP-4 
"Antifungal activities of origanum oil against Candida albicans"
Manohar V1, Ingram C, Gray J, Talpur NA, Echard BW, Bagchi D, Preuss HG. (->)
2014  N S
Informazioni e studi sull'Utilizzo
- Nessuna informazione disponibile al momento.
Informazioni e studi su Avvertenze, Rischi, Effetti collaterali
- Nessuna informazione disponibile al momento.

 


 

Crediti Immagine: "Oregano" di tibbygirl

Letto 3115 volte Ultima modifica il Giovedì, 18 Aprile 2024 08:22

Lascia un commento

Puoi commentare, segnalare o aiutare a migliorare i contenuti che stiamo raccogliendo.
Ti ringraziamo per ogni contributo chiedendoti di rispettare le comune natiquette.

Disclaimer

  • Disclaimer

    INatural.it diffonde contenuti raccogliendo informazioni e studi scientifici (dove possibile verificati e verificabili) a solo scopo informativo/divulgativo e NON si avvale della consulenza o partecipazione (se non occasionale e sporadica) di medici specializzati.

    Le informazioni diffuse da INatural.it hanno solo carattere divulgativo e non possono quindi, in alcun modo, intendersi come sostitutive di consulti o atti medici qualificati, né riferirsi a specifici casi singoli, per i quali si invita SEMPRE a consultare il proprio medico curante.

    Gli autori non sono dunque responsabili di eventuali conseguenze o danni (diretti o indiretti) derivanti da un utilizzo (proprio od improprio) dei contenuti qui pubblicati, diverso da quello meramente informativo.

    Nonostante la scrupolosa cura adoperata nell'elaborare e nel verificare fonti e informazioni, non è possibile garantire contenuti esenti da errori, dimenticanze o informazioni parziali. Invitiamo quindi a segnalarci eventuali problemi ed imprecisioni riscontrati per una pronta correzione od integrazione.

    INatural.it ed i suoi autori, non sono responsabili di quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post e non sono altresì responsabile dei siti collegati tramite link, né dei loro contenuti, che possono essere soggetti a variazioni nel tempo.

    Le immagini presenti su INatural.it vanno intese a solo titolo dimostrativo; sono coperte da copyright solo ove indicato ed altrimenti di libera diffusione. Invitiamo a segnalarci eventuali erronee ed involontarie violazioni di copyright allo staff. Il materiale verrà rimosso il più presto possibile.

    INatural.it NON rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità  pertanto, non è un prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all’art. 1, comma III della L. n. 62 del 7.03.2001.


    Commenta per primo!