Back to Top
Fieno Greco - Trigonella foenum-graecum

Fieno Greco - Trigonella foenum-graecum (1)

Il Fieno Greco ( Trigonella foenum-graecum L.) è una nota pianta medicinale tra le più antiche del mondo, i cui semi e foglie vengono utilizzati sia come condimento alimentare, sia come elemento terapeutico per le sue molteplici caratteristiche dovute a sostanze fitochimiche quali alcaloidi, saponine, tannini, fenoli e molti altri.


E’ originaria dell'India e del Nord Africa, adesso ampiamente coltivata nel Nord Africa, Europa, Asia meridionale, Argentina e Australia.
La pianta del fieno greco cresce fino a 60 cm di altezza e i suoi semi sono di forma romboidale giallo dorato.

Appartiene alla famiglia delle Fabaceae ed è una coltura erbacea aromatica annuale autoimpollinante, nota anche come zampa d'uccello, semi di fieno greco, halba e methi.

I semi e le foglie del fieno greco sono usati come spezia e ingrediente nella preparazione culinaria in diversi paesi. Viene utilizzato come alimento funzionale e tradizionale, nonché in applicazioni nutraceutiche e fisiologiche. A causa del suo alto contenuto di fibre, proteine e gomme, il fieno greco è stato recentemente utilizzato come stabilizzante alimentare ed agente emulsionante.


Utilizzata come pianta medicinale nell'Asia centrale sin dal 4000 a.C. circa. I benefici e gli scopi medicinali sono stati ritrovati riportati in uno dei più antichi documenti medicinali, il papiro di Ebers.


Ha una lunga storia di usi medici nella medicina ayurvedica e cinese come emolliente, stimolante dell'allattamento e lassativi e per lenire l’eczema.

Nell'antica Roma, veniva utilizzato per favorire il travaglio, attenuare i crampi mestruali e come tonico per il metabolismo.

Nell’antico Egitto il fieno greco veniva utilizzato per aumentare la produzione di latte nelle madri che allattavano, le donne egiziane moderne consumano ancora questi semi per alleviare i sintomi della dismenorrea [prossimamente].

La medicina tradizionale cinese utilizza i semi di fieno greco anche per i problemi renali e nei calcoli renali poiché il fieno greco riduce la quantità di ossalato di calcio, che è il cristallo che contribuisce alla formazione dei calcoli renali. Il fieno greco è noto anche per aiutare a eliminare la congestione ed è utilizzato come agente disintossicante nella rimozione dei rifiuti tossici, delle cellule morte e delle proteine intrappolate attraverso il sistema linfatico.

 

Informazione

Pubblicazione

Anno

V

VV

U

Informazioni e studi sull'Efficacia: Una revisione del 2022 analizza la storia, gli utilizzi e gli studi esistenti sul Fieno GrecoRevisiting Trigonella foenum-graecum L.: Pharmacology and Therapeutic Potentialities
Informazioni e studi sull'Utilizzo: Nessuna informazione disponibile al momento.
Informazioni e studi su Avvertenze, Rischi, Effetti collaterali: Nessuna informazione disponibile al momento.
Legenda: 
"V" = Verificato
"VV" = Informazione o studio In Vivo
"U" = Informazione o studio riferito strettamente alla specie Umana

 

Crediti Immagine: "Trigonella+foenum-graecum" di https://flora-on.pt/#1Trigonella+foenum-graecum

 

Vota questo articolo
(1 Vota)

1. Introduzione

2. Cosa dicono gli studi

3. Come usarlo

4. Documentazone

 

Introduzione  

Il Fieno Greco (Trigonella foenum-graecum) è utilizzato per scopi medicinali in varie tradizioni. Alcuni studi hanno dimostrato che i semi di questa pianta possono avere un effetto antidiabetico abbassando i livelli di Glucosio nel sangue a digiuno e migliorando la tolleranza al glucosio.

E' disponibile a basso costo nei paesi di tutto il mondo e viene utilizzato per vari scopi. Non sono segnalati effetti collaterali noti; pertanto, è generalmente sicuro da usare nei pazienti con Diabete o disturbi lipidici. Il fieno greco può anche essere utilizzato in combinazione con altri farmaci a base di erbe o come trattamento complementare insieme ad altri farmaci e modifiche dello stile di vita in pazienti con diabete o disturbi lipidici. Considerati i risultati dello studio citato in documentazone e le scoperte precedenti sull’effetto del fieno greco sul metabolismo, esiste il potenziale per un suo consumo e utilizzo più ampio.


Cosa dicono gli studi

Secondo recenti studi biochimici, i semi di fieno greco hanno proprietà antidiabetiche prolungando il tempo di svuotamento gastrico e riducendo l’assorbimento di Glucosio nell’intestino tenue a causa del loro alto contenuto di fibre. Ciò rallenta il metabolismo dei carboidrati e abbassa i livelli di glucosio nel sangue. Inoltre, favorisce un ripristino delle cellule pancreatiche salvaguardando le cellule β e un aumento dei livelli sierici di insulina mediante la stimolazione della rigenerazione delle cellule insulari (o del rilascio di insulina da cellule insulari preesistenti). 

Il fieno greco stimola anche l'attività della glicogeno sintasi e promuove la produzione di glicogeno epatico e muscolare. Ciò promuove la rigenerazione del glicogeno impoverito, diminuisce le citochine proinfiammatorie e gli enzimi pancreatici e regola i profili lipidici sierici e l'attività degli enzimi metabolici dei carboidrati sensibili all'insulina. Il fieno greco può aumentare la sensibilità all’insulina migliorando l’azione dell’insulina a livello cellulare, abbassando i livelli di HbA1c utilizzando il glucosio nei tessuti periferici e mantenendo i livelli di glucosio nel sangue. Non solo il fieno greco influisce sullo zucchero nel sangue, ma numerose revisioni suggeriscono anche un ruolo nel miglioramento dei profili lipidici, rendendolo adatto ai disturbi metabolici. Potrebbe essere possibile che esistano meccanismi d’azione correlati del fieno greco in cui le sue proprietà biochimiche potrebbero essere correlate al metabolismo degli zuccheri, dei lipidi o di entrambi.

 

Come utilizzarlo

Gli studi randomizzati hanno mostrato che la durata del trattamento superiore a 8 settimane comporta una migliore riduzione dei livelli di FPG (Glicemia plasmatica a digiuno).

Il consumo è stimato da 5 ai 30 grammi 2-3 volte al giorno. In particolare, uno studio su 60 pazienti con HbA1C (emoglobina glicata) fuori controllo, ha evidenziato un netto miglioramento dei valori, con 30 gr di polvere al giorno suddivisa in più somministrazione senza effetti collaterali.

NB: Contenendo molte fibre, in caso di intestino impigrito potrebbe dare origine ad ad una improvvisa ripresa dell'attività mocrobica provocando gas intestinali, gonfiore addominale, crampi e diarrea.

Documentazione

Informazione
Pubblicazione
Anno
V
VV
U
Informazioni e studi sull'Efficacia

- In questa revisione degli studi del 2022 vengono verificate le affermazioni su come il Fieno Greco sia utile nel controllo dell'iperglicemia diabetica

"Effetto del fieno greco sull'iperglicemia: una revisione sistematica e una meta-analisi"

2022

S

X

X
Informazioni e studi sull'Utilizzo
- Nessuna informazione disponibile al momento.
Informazioni e studi su Avvertenze, Rischi, Effetti collaterali
- Nessuna informazione disponibile al momento.
Legenda: 
"V" = Verificato
"VV" = Informazione o studio In Vivo
"U" = Informazione o studio riferito strettamente alla specie Umana

Crediti Immagine: "Andrea Moro
© Dipartimento di Scienze della Vita, Università degli Studi di Trieste
Distributed under CC-BY-SA 4.0 license"