Stampa questa pagina

Estratto di Zenzero come fluidificante del sangue (anticoagulante/antiaggregante/antitrombotico)

Vota questo articolo
(9 Voti)    

L'Estratto di Zenzero è noto per avere una forte capacità anticoagulante (azione sul trombossano-2 e prostaglandine-2) ed antiaggregante. Benché gli studi siano scarsi sugli umani ed anche poco recenti, uno studio (1) in particolare ha verificato che un dosaggio di 5.0 g al giorno agisce come i farmaci anticoagulanti dimostrandosi un interessante Rimedio Naturale quale integratore per mantenere o ripristinare una buona attività sanguigna, senza per ora aver mostrato alcun effetto collaterale notabile, al contrario dei farmaci allopatici usati per lo stesso scopo. Uno studio del 1997 (2) aveva già verificato su volontari sani che il consumo di soli 2.0 g di estratto secco di zenzero era sostanzialmente inattivo, affermando dunque che gli effetti anticoagulanti ed antitrombotici potevano essere solo dose-dipendenti.

Ciò significherebbe che una dose appropriata di estratto di zenzero può agire come farmaco anticoagulante senza gli effetti collaterali dei più noti farmaci allopatici. Questa proprietà dello Zenzero è però da tenere in considerazione anche in caso di concomitante assunzione di farmaci direttamente o indirettamente anticoagulanti.

 

Aggiornamenti

Novembre 2015: è stata pubblicata una revisione (3) degli studi clinici esistenti riguardanti gli effetti antiaggreganti, anticoagulanti ed antitrombotici dello Zenzero riportante anche uno schema riepilogativo su somministrazioni e quantità.

 

 

Informazione

Pubblicazione

Anno

V

VV

U

Informazioni e studi sull'Efficacia

1.

Lo zenzero è di notevole interesse per il suo potenziale nel trattamento di molti aspetti della malattia cardiovascolare.

"Ginger (Zingiber officinale Roscoe): a hot remedy for cardiovascular disease?"
Nicoll R, Henein MY
 (->)

 

2009

S

S

X

2.

Uno studio su volontari ha verificato che 2g di zenzero non hanno effetti su aggregazione, velocità e altri parametri sanguigni.

 

"Effect of dried ginger on human platelet function" Lumb AB

 

1997 

3.

Revisione della letteratura scientifica esistente sull'utilizzo di zenzero come antiaggregante e anticoagulante, con riferimenti ai dosaggi, agli effetti ed ai metodi utilizzati.

"Correction: The Effect of Ginger (Zingiber officinale) on Platelet Aggregation: A Systematic Literature Review"
Wolfgang Marx, Daniel McKavanagh, Alexandra L. McCarthy, Robert Bird, Karin Ried, Alexandre Chan, Liz Isenring (->)

2015

S

X

S

Legenda: 
"V" = Verificato
"VV" = Informazione o studio In Vivo
"U" = Informazione o studio riferito strettamente alla specie Umana

 


Crediti Immagine: di Geralt

 

 

 

 

 

Cucinare rilassa, esprime amore...decorare di più!

Letto 7693 volte

Rimedi correlati (da tag)

4 commenti